Cos’è la demenza senile ?

demenza senile

La demenza senile è una malattia e come tale va trattata.

 

Non tutti invecchiamo allo stesso modo,con l’avanzare dell’eta in alcuni soggetti compaiono dei disturbi ( sintomi ) di tipo intellettivo  e comportamentale di tale gravità da rendere impossibile lo svolgimento delle normali azioni della vita quotidiana in maniera completamente autonoma.

 

Con demenza senile si indica una degenerazione delle funzioni celebrali dell’individuo oltre i 65 anni di età,essa è diversa dalla normale senilità che porta a un deterioramento graduale delle cellule celebrali.

Con la demenza e quindi anche con la demenza senile si ha una diminuzione delle seguenti prestazioni:

  • COGNITIVE ( la memoria , il ragionamento , il linguaggio e l’orientamento)
  • COMPORTAMENTALI  ( relative alle sfera emotiva e nel rapportarsi con le altre
    persone)
  • SOMATICHE (quindi ritmi sonno veglia-, fame-sazietà ecc…)





Molte malattie del cervello possono causare la demenza senile ma la più frequente è l’Alzheimer.
demenza senile
Nella quasi totalità dei casi la demenza senile è progressiva.

Le demenze più comuni sono di tipo degenerativo ,vascolare e miste.
Le demenza degenerative sono causate da un anormale aumento della morte nelle cellule neuronali,la malattia di Alzheimer è la causa più frequente ,al secondo posto c’è la demenza a corpi di Lewy e al terzo posto c’è la demenza froto-temportale.
Le demenze vascolari per la maggior parte dei casi sono causate da Ictus (lesioni del cervello causate da un erronea circolazione del sangue),solitamente la cause sono da collegarsi a un’aumento della pressione sanguigna,ateroscelrosi,diabete,malattie cardiache ed alcune malattie del sangue.
Le demenza miste non sono altro che un insieme delle due demenze viste precedentemente,la cui contemporanea comparsa non è cosi improbabile quanto si possa pensare.

Invecchiare non vuol dire necessariamente andare incontro alla demenza senile , infatti ci sono numerosi anziani che occupano ruoli importanti nel campo politico , scientifico e letteriario.Anche l’invecchiamento stesso non è uguale per tutti , oltre al fattore genetico presente in ognuno di noi è molto influente anche lo stile di vita, l’alimentazione,il lavoro svolto e  il clima.

demenza senile

Con il passare degli anni ,il nostro corpo cambia , la pelle perde elasticità e cominciano a comparire le prima rughe , sulle mani e sul viso si manifestano piccole macchioline scure, i nostri capelli cambiano colore e diventano grigi,anche il nostro cervello subisce gli effetti dell’invecchiamento , a partire dai 30 anni  le strutture formate dalle connessione tra le cellule cerebrali cominciano a diminuire,possiamo immaginare la struttura di connessioni presenti nel nostro cervello come un enorme albero , poco a poco il tempo disgrega queste connesioni ed è come se venissero tagliati dei rami che purtroppo non ricresceranno più, questo con il tempo renderà il nostro” albero cerebrale” privo di rami e quindi privo di sufficienti connesioni per svolgere le sue funzioni.

Questo processo di invecchiamento spesso è peggiorato dalla situazione sociale in cui l’anziano vive,situazioni di emarginazione e di solitudine e la mancanza si stimoli sociali esterni contribuisce a impoverire la mente.

 

FacebookTwitterGoogle+TumblrCondividi con ->